sabato 30 giugno 2012

Fricelli pugliesi

Perfetta per la preparazione di piatti gustosi, la pasta fresca è un ingrediente che amiamo molto.
Quando si ha tempo a disposizione è bellissimo mettere le mani in pasta e farla in casa: sentire quasi che lasci "l'impronta", la tua, che rende ogni piatto un piatto unico!  Ma il tempo a volte non consente tali splendide cure e, al rientro a casa, dopo una giornata di lavoro,  anche la pasta fresca "confezionata" sa farsi valere! Ho trovato questo formato pugliese irresistibile. E' semplice: semola di grano duro e acqua, impreziosita da un'abile lavorazione. Con maestria la pasta viene arrotolata attorno a piccoli ferri, chiamati appunto fricelli, l'ideale per sposare il condimento, che la avvolge e la stringe in un tripudio di gusto. Quando poi si hanno delle ottime salamelle, piselli e funghi freschi, il gioco è fatto: mezz'ora, ed ecco un primo piatto golosissimo!
Ingredienti per 3 persone:
  • 300 gr fricelli freschi
  • 2 salamelle (circa 300 gr)
  • 150 gr piselli freschi
  • 150 gr funghi champignon
  • scalogno
  • mezzo bicchiere di vino bianco (ho usato del Prosecco di Valdobbiadene)
  • prezzemolo 
  • olio evo
  • peperoncino in polvere
  • sale 
Procedimento:
Abbiamo tritato lo scalogno e lo abbiamo rosolato in padella con un filo di olio evo, aggiunto i funghi, la salsiccia sgranata e sfumato con il vino bianco. Sgranati anche i piselli li abbiamo tuffati nei funghi e salsiccia e proseguito la cottura per circa 30 minuti bagnando con un mestolo di acqua calda non salata.  A cottura ultimata abbiamo spolverato il sugo con del prezzemolo tritato. 
La salsiccia è già salata e quindi non è stato necessario aggiungere sale.
Abbiamo cotto i fricelli per circa 5 minuti in abbondante acqua bollente salata; scolati li abbiamo saltarti in padella con il sughetto completando la preparazione con un pizzico di peperoncino e un cucchiaio di olio evo a crudo.
Buonissimi, hanno superato l'esame del nostro "critico culinario" di casa.
Buon appetito!

7 commenti:

  1. Un primo gustosissimo, viva la pasta fresca.Ciao.

    RispondiElimina
  2. E' vero la pasta fatta in casa è tutta un'altra cosa..io la preparo spesso! Voi però l'avete fatta diventare golosissima con questo sugo speciale!!
    Buona domenica cara :-)

    RispondiElimina
  3. Ecco cosa facevi ieri!!! "Sfrisciddav" con le "i" appena accennate.
    In tarantino significa che eri impegnata a fare qualcosa. Cioè, che ti davi da fare ad usare il "frisciello" che serve anche per lavorare a maglia oltre che per fare la pasta.
    Voi due insieme trattate bene il "critico culinario" di casa :D

    RispondiElimina
  4. Adorabile questo sughetto che hai preparato e adatto ad una pasta così particolare...che non conoscevo! buona!!

    RispondiElimina
  5. @ giovanna
    Grazie, eh si viva la pasta fresca!

    @ ornella
    Grazie, carissima, buona settimana!

    @anna
    eh eh dai che prendo lezioni anche di tarantino, fantastico!
    Ho imparato anche un'altra parola: "scilepp" .
    Buona settimana e un abbraccio

    @ artù
    grazie, è davvero un formato che si presta a vari condimenti. Buonissima, poi col Valdobbiadene fresco...

    RispondiElimina