mercoledì 6 giugno 2012

Quanti modi di fare e rifare - Le puccette pugliesi

Il nostro appuntamento è nella cucina di Vale con le puccette pugliesi.
Per me e la mia famiglia sono state una meravigliosa sorpresa, le abbiamo farcite in tanti modi, buonissime!
Ecco le nostre dosi della ricetta glutinosa "estorta" alla zia:
  • 500 gr di farina 00
  • 250 gr di patate cotte al vapore (pesate già cotte e sbucciate)
  • 15 gr di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 10 gr di sale
  • 2 cucchiai di olio evo 
  • acqua "quanta  se ne tira"  l'impasto (circa 180 gr poco meno di un bicchiere)
Procedimento
Nella planetaria abbiamo inserito le patate cotte al vapore, sbucciate e passate al passaverdure, il lievito sciolto in 100 gr di acqua tiepida con lo zucchero, l'olio e abbiamo cominciato ad impastare con il gancio aggiungendo la farina a cucchiaiate e poca acqua alla volta. Infine abbiamo aggiunto il sale e, spolverato il tavolo con un cucchiaio di farina, abbiamo terminato di impastare a mano dando un giro di pieghe.
Fatta la palla l'abbiamo trasferita in una ciotola unta di olio a lievitare coperta per circa due ore. 
Al raddoppio l'abbiamo capovolta sul tavolo da lavoro infarinato, 
diviso l'impasto in due parti uguali 
e ricavato 8 piccoli pezzi quadrati. Fatto le pieghe (che sono state poi rivolte verso il basso) abbiamo formato le palline, le abbiamo un pò appiattite e messe a lievitare al calduccio per circa 45 minuti su una placca foderata di carta forno e coperte da un telo di cotone. 

Portato il forno a 250°, appiattite ancora un pò delicatamente le puccette, le abbiamo infornate a metà altezza e cotte per 5 minuti a 250° poi abbassato la temperatura a 200° per circa 15-20 minuti fino a cottura ultimata.
Ne abbiamo farcite parte con lattuga, treccia di mozzarella fiordilatte, pomodoro un filo di olio evo e sale rosa dell'Himalaya,

altre con salame milano
altre ancora con formaggio fresco autoprodotto, pomodorini pachino e un filo di olio evo 
e chi più ne ha più ne metta!
Il mio "braccio destro" ed io ci siamo divertiti molto nel preparare e farcire le puccette, e persino all'ostico papà sono piaciute, lo si capiva dal piatto rimasto con le sole briciole!
Grazie a Vale per  averci fatto conoscere questa gustosissima specialità pugliese entrata di diritto nella nostra panificazione e un grazie particolare alla zia "torturata".

35 commenti:

  1. Che meravigliosi profumi e che squisiti ripieni in quelle puccette così morbide e gustose! Grazie per la tua bellissima versione :D
    Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cuochina,
      queste puccette ci sono proprio piaciute!

      Elimina
  2. Io ti rubo quella con il formaggio autoprodotto!!! chissà che bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Artù, accomodati pure era davvero squisita!

      Elimina
  3. una versione più "slurposa" dell'altra

    devo estorcere a zia qualche altra ricettina delle sue ;-)

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, "estorci" e torna!
      Grazie a te, non torturare troppo la zia!

      Elimina
  4. belle le tue pucce!
    ora reclamiamo la ricetta del formaggio autoprodotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, arriva arriva la ricetta...

      Elimina
  5. Si si ricetta del formaggio...prendo anche io questa facita con formaggio fresco autoprodotto, pomodorini pachino e un filo di olio evo
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, con queste puccette era davvero azzeccato l'abbinamento formaggio-pomodorino!

      Elimina
  6. Voi due siete un portento: fate puccette e le farcite da sbavo continuo.
    Cos'è la storia del formaggio autoprodotto???
    Qui ci si nascondono le cose!!! Bisogna stare allerta e carpire come si prepara!!
    Baci, ragazzi:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh Anna il mio "braccio destro" è un buongustaio!
      Non posso sottrarmi, arriverà il post del formaggio fresco.
      Baci doppi :D

      Elimina
  7. buone le puccette, belle anche le tue! Ciao

    RispondiElimina
  8. Ecco mi unisco ad Anna: cos'è questa storia del formaggio autoprodotto?? Vogliamo la ricetta..vogliamo la ricetta..vogl..:-D
    Bellissime puccette e farciture golosissime!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ornella,
      è una bella storia quella del nostro formaggio "semplice semplice".
      A presto e un abbraccio

      Elimina
  9. e a pane e salame, anzi, a puccette e salame chi potrebbe resistere? io certo no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dauly, sapessi che profumino quel salame, è davvero irresistibile!

      Elimina
  10. Molto, molto belle anche le tue. Mi "accontento" di quella ripiena di mozzarella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Solema,
      ottima scelta, quella treccia fiordilatte si scioglieva in bocca!

      Elimina
  11. I papà ostici li conosciamo...a volte non ammettono, ma sono orgogliosi delle preparazioni... bellissime le tue puccette e che ripieni!!! Golossssssssssssse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena,
      hai ragione, non ammettono, ma il piatto parla per loro! Qui sono rimaste solo due bricioline!

      Elimina
  12. eccoci Vittoria...
    la curiosità sul formaggio autoprodotto è tanta!!!
    Aspettiamo la ricetta e intanto ammiriamo le tue puccette bellissime e anche....molto golose!!
    Un saluto e complimenti al tuo braccio destro!!
    un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Apine, ricambiamo di cuore il vostro saluto!

      Elimina
  13. Che belle anche le tue puccette! E che ripieni golosi!

    RispondiElimina
  14. ciao ti ho trovato per caso e il tuo blog mi ha subito colpito, ho già scoperto qualche ricettina che proverò sicuramente:-) così da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa.kreattiva

    RispondiElimina
  15. fantastiche le tue puccette, io sono tentata da quella con il salame ma visto il caldo anche quella con pomodoro e mozzarella ha il suo fascino. Io le ho provate con i salumi e con solo olio e sale, buonissime in tutti i modi. Scusa se passo solo ora ma ieri ero impegnata con un compleanno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, anch'io ieri sono passata tardissimo per impegni di lavoro!
      Buona serata

      Elimina
  16. Piacere di conoscerti, divine le tue pucette e la farcitura con saleme è dir poco irresistibile ma di verto provere anche quella con il formaggio fatto da te ciao Luisa

    RispondiElimina
  17. Bellissime tue puccette. Neppure io vedo l'ora di leggere il post del formaggio autoprodotto!

    RispondiElimina
  18. Queste puccette sono buonissime. Da oggi sono una tua lettrice, se ti va di contraccambiare passa dal nostro.Complimenti per il blog!!!

    RispondiElimina