mercoledì 18 luglio 2012

Panini multicereali

Il Pane, da sempre cibo dell'umanità. Lo troviamo raffigurato nei graffiti delle caverne, negli Scritti Sacri praticamente di tutte le culture religiose. Nella Bibbia si narra del pane di fior di farina, del pane di legumi e del pane azzimo; nel Vangelo Gesù insegna a pregare "dacci oggi il nostro pane quotidiano" e si fa "pane spezzato" per l'umanità.
I nostri "vecchi" ci hanno insegnato la sacralità del pane, non se ne spreca neppure una briciola, deve essere trattato con rispetto perchè simbolo del sudore, della fatica, ma anche della vita.
Da sempre, con il mio "braccio destro", il fine settimana è il tempo dei nostri "pasticci" con farina e acqua per vedere questi semplici elementi miracolosamente trasformati in un pane profumatissimo.
Grazie ai consigli scambiati con le amiche, ai libri trovati in biblioteca, ad  internet (prezioso è stato il blog di Vittorio), e a tanti tanti esperimenti il nostro pane è migliorato, ora ci manca solo il licoli di Anna !
Ecco la ricetta di un pane semplice, gustosissimo e facile da preparare.
Ingredienti:
  • 500 gr farina multicereali (io uso una farina biologica quasi a km zero con grano tenero, grano duro, segale, farro, mais, riso, grano saraceno, macinati a pietra naturale)
  • 280 - 300  gr acqua
  • 10 gr sale
  • due cucchiai di olio evo
  • mezzo cucchiaino di malto d'orzo
  • 2 gr lievito di birra fresco
Procedimento:
La  sera prima ho preparato la classica biga con 400 gr di farina 220 gr di acqua e 1 gr di lievito. Lavorato velocemente, formato la palla e l'ho messa in una ciotola a lievitare in frigorifero fino a circa mezzanotte. D'inverno la lievitazione della biga può avvenire a temperatura ambiente senza il passaggio in frigorifero. Tolta la biga dal frigorifero la lievitazione è proseguita a temperatura ambiente sino al mattino successivo. Alle 8,30 ho inserito nella planetaria la biga a pezzettini 1 gr di lievito sciolto in 60- 80 gr di acqua e mezzo cucchiaino di malto d'orzo, l'olio e ho cominciato ad impastare con il gancio. Ho aggiunto gradatamente 100 gr di farina, il sale e ho impastato per circa 15 minuti a velocità 2 staccando spesso l'impasto dal gancio.
Tolto l'impasto dalla planetaria ho fatto delle pieghe, formato una palla e messo a lievitare per 60 minuti in una ciotola unta di olio.
Ho rovesciato l'impasto sul tavolo da lavoro e diviso prima a metà

poi in sei pezzi
e dato forma  come  spiegato da Vittorio
Ho ricoperto di carta forno una placca, messo i miei panini e li ho fatti lievitare coperti per 45 minuti circa.
Messo in forno già portato a 250° con una ciotola di acqua, dopo 5 minuti ho tolto la ciotola abbassato la temperatura a 200° e proseguito la cottura per altri 20 minuti circa.





Croccanti fuori e soffici dentro. Buonissimi!

7 commenti:

  1. Ho giusto scritto oggi nel mio blog che adoro le farine integrali....come dire?? ti ruberei quelle splendide pagnottine!!! sono stupende!!!

    RispondiElimina
  2. Sono magnifici questi panini.Se ti va di contraccambiare, ci farebbe piacere.Ciao.

    RispondiElimina
  3. che deliziosi e che belle forme, io devo panificare da un bel pò ma questo caldo benchè sia ottimale per lievitare non mi ispira per la cottura. un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ora ci manca solo il licoli di Anna !
    Come "ora ci manca"???
    Aspetto che tu ti cimenti :D
    Belli i tuoi panini intrecciati :-)))
    Siete un duo strepitoso
    Baci

    RispondiElimina
  5. @ Artù
    Grazie Artù, un paio sono tue!

    @Giovanna
    Grazie Giovanna, passo a trovarti.

    @Stefania
    Grazie Stefania, è vero col caldo si limita l'uso del forno ma noi non riusciamo a spegnerlo completamente! Un abbraccio

    @Anna
    Grazie Anna!
    Sai che il primo esperimento non ha dato l'esito sperato, ma lo rifaremo!!!
    Baci

    RispondiElimina
  6. Meraviglioso questo pane e mi piace molto anche l'idea della farina a km0....
    Qui c'e` un vecchio mulino ad acqua tuttora funzinante non sono ancora riuscita ad andarci magari approfittero` di un po di tregua lavorativa ad agosto....vediamo cosa trovo.
    ciao francesca

    RispondiElimina
  7. Adoro il pane fatto in casa. Ti è venuto molto bene, sembra come quello comprato!

    RispondiElimina