giovedì 6 settembre 2012

Quanti modi di fare e rifare: la focaccia della Sciùra Maria

Con immenso piacere questo mese apriamo a tutti voi la nostra cucina per l'incontro mensile di "Quanti modi di fare e rifare". Innanzitutto un grazie ad Anna e Ornella, ideatrici di questo appuntamento, e alla Cuochina per aver scelto questa ricetta dal mio blog, scelta che mi ha resa felice. Felice perchè questa focaccia è per me un "cibo dell'anima" che porta con sè dolci ricordi, felice perchè la Sciùra Maria dopo tanti anni di lavoro vede una sua gustosa focaccia varcare le soglie della nostra città e diffondersi, grazie al web, ovunque venga riprodotta in Italia e persino in un pezzettino di mondo. Certo quella fatta dalle sue mani sarà sempre la più buona, d'altronde non si scherza con più di 50 anni di esperienza!
Questa volta non vi descrivo la Sciùra Maria a parole ma eccola qui, con il suo splendido sorriso, gli occhi limpidi dietro al banco della sua panetteria nel nostro caldo mese di agosto
La Sciùra Maria
bella vero?
Per il nostro appuntamento, validamente assistita dal mio insostituibile "braccio destro", abbiamo rifatto la focaccia dolce usando come lievito una pasta madre di frumento essiccata, l'abbiamo leggermente speziata con cannella e chiodi di garofano, oltre ad adagiare delle squisite fettine di mela sulla superficie. Il sapore è più intenso adatto ad un palato adulto perciò, se ci sono bambini, si può cospargere solo una parte della teglia con le spezie lasciando l'altra parte nella versione originale.

Ingredienti:
  • 175 gr di farina tipo 0 bio
  • 175 gr di farina tipo 00 bio
  • 1 mela golden per l'impasto e 1/4 per la copertura 
  • uvetta una manciata precedentemente ammollata
  • 1 cucchiaio di olio
  • 7 gr di sale
  • 35 gr. di pasta madre di frumento essiccata
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 150 gr circa complessivi di acqua
  • burro, zucchero semolato, zucchero di canna, cannella e chiodi di garofano per la copertura "ad occhio"

Procedimento:
Nella planetaria abbiamo riattivato il lievito madre con 50 gr di acqua, abbiamo aggiunto lo zucchero e gradatamente le farine, una parte di acqua, olio e sale.
Continuando a lavorare abbiamo unito la mela e l'uvetta alternandola con l'acqua "ad occhio" tenendo conto dell'umidità della mela 
Abbiamo rovesciato l'impasto su un foglio di carta forno, fatto due pieghe con le mani inumidite perchè l'impasto era molto morbido e idratato, e messo a lievitare in una ciotola fino al raddoppio
con il caldo dopo 2 ore e 15 minuti era così
Abbiamo steso l'impasto nella teglia, fatto delle piccole fossette con le dita, distribuito sulla superficie i fiocchetti di burro e spolverato con cannella e un paio di pizzichi di chiodi garofano polverizzati con il pestello. Infine abbiamo adagiato le sottili fettine di mela e cosparso  con  zucchero  di  canna e semolato 
Abbiamo lasciato lievitare ancora per circa mezz'ora e nel frattempo abbiamo portato il forno a temperatura. Abbiamo infornato la focaccia a 250° per 10 minuti e a 200° per circa 20 minuti, questa volta sempre nella parte centrale, fino a vederne la superficie caramellata. L'abbiamo quindi tolta dal forno e l'abbiamo lasciata raffreddare prima di gustarla in tutta la sua avvolgente e profumata dolcezza
con una tazza di ottimo kukicha (tè verde giapponese) e un fresco e tè alla pesca che offriamo anche a tutti voi ringraziandovi per essere stati nella nostra cucina!
Il prossimo appuntamento è per il 06/10/12 nella cucina delle Apine per preparare le palline di semolino

17 commenti:

  1. Buongiorno Maria Vittoria che bello, dopo la pausa estiva, esser tornate a spignattare insieme! E che piacere vedere la sciùra Maria,(a ragione la descrivevi come una splendida signora!) l'artefice di questa ottima focaccia che profuma di casa, di tradizione e ricordi..! Grazie a lei e a te carissima per aver condiviso la ricetta con tutti noi!
    Alla prossima a casa delle simpatiche Apine :-)
    La Cuochina

    RispondiElimina
  2. Che bella ricetta cara vittoria...non vedevo l ora di venire a leggerti! E poi oggi finalmente diamo un volto alla mitica sicura Maria! Che bella sorpresa!!!

    RispondiElimina
  3. che dire??

    W la sciura Maria!!!

    e grazie a te per avermi fatto conoscere questa squisitezza

    RispondiElimina
  4. Per adesso solo grazie, passo dopo a leggere tutto con attenzione.
    Bellissima la sciùra Maria :)
    Baci

    RispondiElimina
  5. Gentilissima sciùra Maria, ammirando la foto mi sembra di conoscerla ormai da sempre.. grazie per aver condiviso con la nostra amica Maria Vittoria e poi con noi tutte, una così golosa, e sicuramente a lei cara e preziosa, ricetta! Che ne dice le piacciono le nostre versioni? Grazie ancora di cuore e spero di potere assaggiare veramente un giorno la versione originale!

    Cara Maria Vittoria splendida anche la tua focaccia, complimenti anche al braccio destro! Baci




    RispondiElimina
  6. grazie alla signora Maria e a te per averla proposta! non l'avevo mai fatta è molto particolare è piaciuta molto! ottima anche così profumata! ciao

    RispondiElimina
  7. Piacere signora Maria! e grazie a te, Vittoria di avercela fatta incontrare e di averci svelato una ricetta rustica e gustosa... è stato un successone! bacioni

    RispondiElimina
  8. Ti dirò che nella tua cucina mi sono trovata molto bene, questo dolce l'ho fatto più volte durante l'estate per portarmelo al mare e ho visto anche le versioni delle altre amiche del quanti modi che mi hanno stimolato a farne ancora e ancora. Un complimenti alla sciura Maria per la ricetta e un grazie a te per avercela proposta. un abbraccio

    RispondiElimina
  9. @Cuochina
    @Artù
    @Vale
    @Ecco le cose che piacciono a me
    @Anna
    @Ornella
    @Vickiart
    @Elena
    @Stefania
    Grazie a tutte ragazze!

    RispondiElimina
  10. Vittoria.. sono venuta più volte sul tuo blog a studiarmi la tua ricetta, e sono felicissima di averlo fatto.... l'ho trovata semplicemente fantastica anche nella versione senza glutine, la prossima volta però devo assolutamente mettere le mele anche sopra, e che dire del profumo delle spezie.... non vedo l'ora ;)
    Grazie a te ed alla sciura Maria !!!

    Anna

    RispondiElimina
  11. Grazie cara Vittoria per la splendida ricetta che hai condiviso con tutti noi! Le nostre cucine sono invase da profumi squisiti. Un bacione alla simpatica sicùra Maria, è una nonna molto in gamba!
    Molto interessant anche l'aggiunta di chiodi di garofano, la prossima volta ne metto un po'.
    Baci!

    RispondiElimina
  12. Che sorpresa vedere dal vivo la sciùra Maria, è proprio come l'avevi descritta :)
    Che bello che abbia condiviso con noi la sua ricetta, non è da tutti :)
    Speriamo che sia rimasta contenta di tutte le nostre versioni, mi dispiacerebbe se l'avessimo "delusa" :D

    Grazie anche a te Maria Vittoria per averci fatto conoscere sia la sciùra Maria che la sua deliziosa focaccia.
    Un abbraccio al braccio destro ed a quello sinistro ;-)

    PS. anche la vostra nuova versione è goduriosa!!!!!!! :D

    RispondiElimina
  13. che emozione vedere la foto della sciüra Maria!!!!! deve essere davvero una forza e di una simpatia travolgenti! che bel sorriso che ha.Una signora che ha una parola buona per tutti e che sa sorridere alla vita anche se magari ne ha viste di cotte e di crude....un abbraccione alla sciüra Maria e un complimentone a te per la tua versione!!!

    RispondiElimina
  14. Fantastico!! ora la sciura Maria ha un volto! fantastico davvero: adoro collegare nomi, ricette, immagini. Grazie. Sciura Maria per avercela "passata", grazie Vittoria per averla fatta conoscere nel web, anche da parte di mia figlia: la adora!! <3
    un saluto Jè

    RispondiElimina
  15. @Anna Musolino
    @mm_skg
    @Anna
    @Antonella
    @Djallen
    Grazie anche a voi ragazze, nonostante il caldo avete coraggiosamente acceso i forni e creato delle meraviglie!

    RispondiElimina
  16. eccoci..solo ora...per capricci da pc ecc.
    Ciao Vittoria,
    grazie a te, alla sciura Maria al tuo braccio destro
    per questa buonissima focaccia dolce e per la dolce ospitalità.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina