mercoledì 3 ottobre 2012

Pizza senza impasto con licoluva

Detto, fatto!
Questa volta abbiamo dosato bene licoluva ed oltre al pane abbiamo fatto anche la pizza...strepitosa!!!
Abbiamo adattato la ricetta della pizza senza impasto omettendo la farina di riso, per capire il comportamento di licoluva, e dobbiamo riconoscere che si è comportato proprio bene regalandoci una vera delizia.

Ingredienti per una teglia da 25x36:
  • 175 gr di licoluva
  • 350 gr di farina 0 bio
  • 200 gr circa di acqua
  • 1 cucchiaino di sale Mothia
  • 2 cucchiai di olio evo
  • passata di pomodoro bio
  • origano
  • un panetto di mozzarella fiordilatte
  • funghi champignon
  • un filo d'olio evo e un pizzico di sale per il condimento
Procedimento:
in una ciotola abbiamo messo licoluva, parte dell'acqua, lo zucchero, la farina e mescolato il tutto con una spatola, aggiunto l'olio, incorporato il sale con l'ultima acqua sino ad ottenere un impasto "stracciato" che abbiamo lasciato riposare per una decina di minuti. Dopo averlo rovesciato sul tavolo da lavoro, con le mani inumidite lo abbiamo piegato un paio di volte, come un fazzoletto, e formato una palla che abbiamo riposto nella ciotola unta di olio rigirandola su se stessa per distribuire l'olio in maniera uniforme sull'intera superficie, coperto la ciotola e 
lasciato lievitare a temperatura ambiente per circa 2 ore, per poi trasferirla in  frigorifero fino alla mattina successiva quando l'abbiamo tolta dal frigorifero e lasciato riposare a temperatura ambiente per circa 1 ora. Era arrivato il momento di mettere l'impasto sulla teglia ricoperta di carta forno, "accarezzandolo" per stenderlo con dolcezza 
per poi coprirlo con un telo e lasciarlo lievitare ancora per quasi un'ora. Nel frattempo anche il forno si è messo al lavoro portandosi alla temperatura massima (per noi 270°) e noi abbiamo continuato con allegria il nostro: abbiamo spolverato di origano, spalmato con il pomodoro, aggiunto un pizzico di sale, ricoperto con la mozzarella a dadini (qualche dadino intanto finiva nella bocca di un "topino" goloso...) irrorato con un filo di olio evo,
ed infornato nella parte bassa a 270° per i primi 10 minuti. Il "braccio destro" ha deciso di farcirla con una pioggia di funghi passati in padella con aglio e olio,
opera che lo stesso "braccio destro" ha svolto con maestrìa.
Per completare la cottura abbiamo rimesso la pizza in forno nella parte centrale a 200° per circa 20 minuti trascorsi i quali abbiamo sfornato e che dire... squisita!!! Il lievito naturale ne ha esaltato il sapore e la consistenza, una meraviglia, croccante e morbida al punto giusto e con il vantaggio di una perfetta digeribilità. 
E' durata un soffio...
il tempo di una foto!
Buon appetito.

7 commenti:

  1. bellissimo impasto e pizza favolosa!
    felice giornata cara!

    RispondiElimina
  2. Una pizza strepitosa, il licoluva è fantastico.Ciao

    RispondiElimina
  3. ma che bella che ti è venuta, ad avere tempo preparerei anche io i vari licolrutta ma visto che non riuscirei a stare dietro a niente rimando a tempi migliori. un bacio

    RispondiElimina
  4. Ehi ma qui si viene proprio volentieri!!! pani meravigliosi, pizze strepitose....come non mancare al tuo appuntamento??? il braccio destro opera magnificamente bene! fai i complimenti!

    RispondiElimina
  5. @Squisito
    @giovanna
    Grazie, buon fine settimana!

    @ Stefania
    Grazie, hai ragione il tempo è tirano per questo io ci ho provato in agosto quando ero in ferie... Buon fine settimana!

    @Artù
    Grazie carissima, il braccio destro ringrazia!
    A domani

    RispondiElimina
  6. Ma quanto siete tentatori!!!!
    Viene voglia di impastare subito :))))
    E' bellissima e invidio la mano del braccio destro nell'ultima foto :D

    RispondiElimina
  7. ma che belle ricette! Abbiamo la stessa passione, anch'io curo un blog e sinceramente guardando i tuoi piatti mi hai fatto venire una gran fame!

    RispondiElimina