sabato 26 gennaio 2013

Pane ... per caso

Ebbene si, pane per caso!
Questa è una storia a "lieto fine". 
Tutto è iniziato con un rinfresco totale di licoluva il quale dopo una notte di lievitazione non si era mosso neppure di un millimetro provocando sconcerto e spavento!
La mattina successiva lo abbiamo coccolato e rinfrescato nuovamente, avvolto il barattolo in una copertina ed al ritorno per la pausa pranzo, con sollievo, licoluva era un poco lievitato. Abbiamo fatto un paio di pseudo-rinfresco (Anna docet) e, finalmente, prima di cena licoluva era vispo e profumato confortato dal calore, dal cibo e dalle coccole; dopo tutti questi rinfreschi ne avevamo davvero molto così una parte l'abbiamo riposta in frigorifero per le future panificazioni e con il resto abbiamo preparato questi panini profumati e gustosi!
Anna ci ha spiegato che, sebbene coperto con uno scialle di lana, il nostro licoluva durante la notte aveva patito troppo il freddo perciò non era lievitato; nelle ore notturne occorre usare degli accorgimenti per fornire a licoli più calore oppure rinfrescarlo nelle ore diurne quando in casa c'è maggior tepore, grazie Anna!

Ecco come abbiamo fatto il nostro pane "per caso".

Ingredienti:
  • 250 g di licoluva
  • 200 g di farina di kamut bio
  • 200 g di farina buratto di tipo 2 bio
  • 100 g manitoba bio
  • 280 g di acqua
  • 10 g di sale Mothia
  • 1 cucchiaino di malto d'orzo bio
  • 30 g di olio evo ligure
  • semi di papavero e sesamo bio
Procedimento:
Il venerdì prima di cena abbiamo inserito nella planetaria licoluva, olio evo, malto d'orzo, acqua tiepida ed iniziato ad impastare con il gancio ad uncino unendo gradatamente le farine. Abbiamo infine incorporato il sale e lavorato per circa una decina di minuti staccando l'impasto dal gancio al bisogno.
Abbiamo infarinato il tavolo da lavoro, rovesciato l'impasto, lavorato a mano per qualche minuto, fatto un giro di pieghe, e messo a lievitare in una ciotola unta di olio evo, coperta ed avvolta in un caldo abbraccio di lana.
Dopo due ore circa abbiamo deciso di trasferire la ciotola in frigorifero, licoluva era attivissimo e la lievitazione avanzava spedita!
La mattina successiva abbiamo tolto la ciotola dal frigorifero, lasciato lievitare a temperatura ambiente per circa un'ora e mezza, formato i panini 
che abbiamo riposto sulla placca ricoperta da carta forno, spennellati con acqua, spolverati di semi di papavero e sesamo 
coperti e lasciati lievitare per un paio d'ore, trascorse le quali abbiamo infornato in forno già caldo (umidificato con una piccola ciotola di acqua che poi abbiamo tolto) a 250° per i primi 10 minuti e a 200° per i successivi 15 minuti circa.
Sfornati, li abbiamo subito assaggiati... buonissimi!
Buon appetito!

17 commenti:

  1. le coccole sono sempre utili a tutti e a tutto! Un pane per caso forse, ma sicuramente ben lievitato e da acquolina in bocca!! bravissima! marina

    RispondiElimina
  2. Che buoni!
    Bravi! Sono venuti persino belli questi panini!
    Buon week-end!
    ^ _ ^

    RispondiElimina
  3. Pensa un po' se fosse stato un pane programmato!! :)
    Certo che hai usato alla perfezione tutta quella montagna di attivissimo licoli.
    Bellissime anche le forme, ma in due la fantasia è doppia :))
    Fatto Ezechiele, è buonissimooooo!
    Carpiato con avvitamento ;-)

    RispondiElimina
  4. Gurda stasera servirebbero anche a me un po di coccole,,,,,mi consolo co i miei bimbi sul divano e con i bomboloni che lievitano nel forno.....
    un panino al burro e salame ci starebbe davvero bene
    francesca

    RispondiElimina
  5. I panini sono "commoventi" da quanto sono carini! Che bello fare il pane!!!! La prossima volta "umidificherò " il forno anche io!!!:)

    Se ti va di passare sul mio blog, c'è un GIVEAWAY : 2 RIGHE D'AMORE !!


    Ti aspetto!! :)

    Antonella

    RispondiElimina
  6. @marina
    Grazie, è verissimo le coccole non fanno mai male, buona settimana!
    @Eleonora
    Grazie, buona settimana!
    @anna
    Grazie Anna, carpiato triplo!!! ;-)
    @francesca
    Meravigliose le coccole dei bimbi... anche io ieri sera avevo i bomboloni in lievitazione... bella questa sincronia culinaria! Buona settimana!
    @Antonella
    Grazie, passo a trovarti, buona settimana!

    RispondiElimina
  7. brava Vittoria, del pane stupendo, penso proprio che te lo copierò...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      provalo a noi è piaciuto molto e lo abbiamo poi rifatto... non per caso ma programmato.
      Buona giornata!

      Elimina
  8. Siete sempre super bravi!!! io vi ammiro perchè con i lievitati siete un portento!!!!

    RispondiElimina
  9. ops....scusa dimenticavo...hai già preparato la ricetta della cuochina, io non ho avuto una giornata intera per dedicarmi alla lievitazione, mannaggia....chissà se riuscirò almeno domenica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Artù,
      provaci domenica vedrai che non te ne pentirai, i bomboloni sono buonissimi!
      A presto!

      Elimina
    2. Fatti! Sono molto buoni, ma mi sono venuti un po' tipo panini, non hanno molto lo stile del bombolone.

      Sono contenta di esserci riuscita, partecipare al quanti modi mi piace troppo!

      Elimina
    3. Sono contenta !!!
      Anche a me piace il quanti modi di fare, trasforma la wish list in to do list!

      Elimina
  10. Ciao,
    ti ho appena inserita tra i "nuovi" FoodBlog che ho scovato in rete... ;o)
    http://www.lospaziodistaximo.com/2013/02/foodblog-italia-quelli-di-novembre.html
    Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!
      Scusa per il ritardo ma mi era sfuggito il tuo commento...
      Buona settimana!

      Elimina
  11. Ciao Vittoria, questi panini sono strepitosi! Io i licol-frutta non li ho ancora provati, prima o poi vado anch'io! ^_*

    RispondiElimina