lunedì 11 febbraio 2013

Migliaccio

Il migliaccio è un dolce tipico del carnevale napoletano la cui origine si perde nella notte dei tempi. Anticamente era preparato con farina di miglio, da cui il nome migliaccio, poi sostituita con il semolino di grano. Tutte le famiglie, come per altri dolci della tradizione, hanno la propria ricetta e ogni anno, a carnevale, ogni casa profuma di vaniglia, cannella e limone; sono ricette che si tramandano di madre in figlia. Essendo io lombarda, da suocera a nuora! Ogni donna è certa che il suo dolce sia il più buono del mondo e, per ciascuna famiglia, certamente è così, perché questa prelibatezza è una dolce coccola che colma di gioia e d'amore! 

Ingredienti per un "ruoto" (tortiera) da 24 cm:
  • 150 g di semolino
  • 300 g di ricotta vaccina "alla panna" 
  • 500 ml di latte bio per il semolino
  • 50 ml circa di latte bio per stemperare la ricotta
  • 370 g di zucchero vanigliato home made
  • 4 uova bio
  • 30 g circa di burro bio 
  • la scorza di un limone bio
  • cannella a piacere
  • vaniglia in polvere a piacere
  • un pizzico di sale
la ricetta prevede anche le scorze candite di arancia, limone e cedro che noi abbiamo omesso, così come il liquore strega o il limoncello. 
Avevamo terminato lo squisito limoncello home made di mia suocera!
Procedimento:
Abbiamo portato ad ebollizione il latte con metà della scorza di limone che abbiamo poi tolto aggiunto il burro, il pizzico di sale, versato a pioggia il semolino, cotto per circa 5 minuti, tolto dal fuoco e lasciato raffreddare; col freddo di questi giorni fuori dalla finestra abbiamo fatto prima!
Nel frattempo abbiamo montato le uova con metà dello zucchero 
lavorato con una frusta la ricotta con il latte ed incorporato l'ultima metà della scorza di limone grattugiata, cannella, vaniglia in polvere ed il rimanente zucchero.
Infine abbiamo mescolato il semolino con il composto di ricotta aiutandoci con il frullatore ad immersione, in passato si lavorava con santa pazienza e tanta forza di gomito
incorporato delicatamente le uova 
e versato in un "ruoto" (una tortiera) ricoperto di carta forno 
infornato in forno già caldo a 170°e cotto per 60 minuti circa, inebriandoci dei profumi sprigionati da cannella, vaniglia e limone che riempivano di allegria la nostra casa.
Sfornato non lo abbiamo gustato subito...
mia suocera consiglia di lasciare riposare il dolce anche 24 ore per permettere agli aromi di sposarsi con l'impasto e sprigionare tutto il loro sapore; noi naturalmente seguiamo la tradizione di famiglia ed il giorno dopo lo abbiamo cosparso di zucchero a velo e gustato...
in una colazione carnevalesca incantevole!
Buon appetito!

12 commenti:

  1. Ne ho sempre sentito parlare del migliaccio, ma non l'ho mai provato! Sembra ottimo!

    RispondiElimina
  2. Non sapevo fosse un dolce tipico di Carnevale, da provare assolutamente. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Ma come si fa ad aspettare il giorno dopo!!!!!!
    La proverò ma non credo che aspetterò il giorno dopo se esce come la tua
    Ciao ciao ; )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, se resisti vedrai che migliora col passare delle ore!
      Buona serata!

      Elimina
  4. Non conoscevo questo dolce, davvero molto particolare, in effetti la tradizione napoletana coi dolci vince ogni confronto con le altre regioni.....brava la tua suocerina che ti ha svelato i segreti di questa delizia!
    che carina anche la location fotografica...simpatica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Artù,
      un abbraccio e buona serata!

      Elimina
  5. Ma io dov'ero in questi giorni?? Come faccio a farmi passare sotto il naso questi profumi senza accorgermene??
    Uffina, adesso è finito, vero?? Mi tocca aspettare l'anno prossimo :)
    Dove trovo qui la ricotta vaccina alla panna? ;))

    Carpiato triplo con giravolta e spaccata))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, Carnevale, anche Ambrosiano, è finito... se vuoi rispettare la tradizione dovrai aspettare l'anno prossimo...
      Sono certa che la farai home made la ricotta alla panna!
      Carpiato triplo con doppio avvitamento!!!

      Elimina
  6. Il Migliaccio è veramente una torta buonissima!! Io l'ho scoperta l'anno scorso per caso e l'ho fatta e rifatta in molte occasioni. Baci e grazie di tutto!!

    RispondiElimina