sabato 6 aprile 2013

Quanti modi di fare e rifare gli Strangula prievet' di Spery

L'appuntamento di aprile è da Spery con gli Strangula prievet' al ragù napoletano.
E' una pasta semplice che arricchita dal ragù diventa sublime. Spery ci ha portato nei vicoli di Napoli dove il ragù è un'arte che richiede capacità e pazienza: la lenta cottura con la giusta dose di carne che, tuffata nella "pummarola" e condita con maestrìa, sarà servita come secondo piatto mentre il sugo verrà generosamente versato sulla pasta, tutto condiviso in una tavolata allegra e rumorosa, annaffiata da chiacchiere, risate e buon vino.
La stessa atmosfera che l'allegra brigata delle Cuochine dei Quanti modi di fare oggi vuole portare nella cucina di Spery... apri la tavola grande Spery,  stiamo arrivando!!!

Ingredienti per il ragù:
  • 5 costine di maiale noi 3 costine di maiale
  • 5 ossa carnose di bovino noi 300 g di aletta di manzo
  • 5 fette di bovino di spessore medio  noi no
  • 2 litri di passata di pomodoro  noi 1 litro di passata di pomodoro + 1/2 litro di acqua
  • 3 cipolle noi 1 cipolla bianca
  • sale
  • pepe noi peperoncino di Cajenna
  • prezzemolo  noi no
  • parmigiano noi no
  • basilico
  • olio evo
  • noi abbiamo usato anche mezzo bicchiere di vino bianco ed un poco di zucchero
Procedimento:
Abbiamo tritato la cipolla, l'abbiamo saltata in un filo di olio evo e stufata con un poco di acqua.  Alla cipolla abbiamo aggiunto le costine, l'aletta di manzo, abbiamo rosolato e sfumato con il vino bianco, aggiunto la passata di pomodoro ed un pizzico di zucchero, allungato con acqua, regolato di sale e cotto lentissimamente a fiamma bassissima per 3 ore e mezza. 
Ragù che "pippa"
Al termine della cottura abbiamo aggiunto il basilico.

Ingredienti per gli strangola preti
  • 400 g di farina per pasta  noi 150 g di farina 00 bio + 150 g di semola di grano duro bio
  • acqua qb noi 300 g di acqua calda 
  • sale
Procedimento:
Abbiamo mescolato l'acqua calda salata con le farine, lavorato l'impasto sino a renderlo omogeneo lasciandolo riposare per una decina di minuti, trascorsi i quali abbiamo formato dei cilindri che abbiamo
tagliato a pezzetti ricavando degli gnocchetti che incavati hanno formato gli strangola preti.
Braccio destro al lavoro
perfetto!
Con il prezioso aiuto del mio Braccio destro ecco il nostro vassoio di strangula prievet' qui in attesa di essere tuffati in abbondante acqua bollente e salata per una rapida cottura (circa 5 minuti dalla ripresa del bollore)
scolati li abbiamo conditi con abbondante ragù ed una spolverata di peperoncino, innaffiati con dell'ottimo Lambrusco secco di Sorbara doc ed infine fatto la scarpetta con il nostro pane al kamut 
Buon appetito!
Grazie a Spery per aver condiviso con noi la tua squisita ricetta e grazie anche ad Anna, Ornella e alla Cuochina per il loro lavoro!
Il prossimo appuntamento è per il 06/05/2013 da Marina con la Bughatsa dolce da Salonicco

19 commenti:

  1. ciao Vittoria e braccio destro
    è un post stupendo..allegro..profumato e
    quasi quasi facciamo anche noi un volo sulla vostra tavola così invitante!
    BRAVISSIMI
    Un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
  2. Grazie carissimi Maria Vittoria e Braccio Destro per essere venuti a fare con noi gli strangula prievet a casa di Spery.
    Oggi ci siamo dilettati e divertiti a preparare questo squisito piatto napoletano, invece il 6 maggio voleremo nella bellissima Grecia, nella grande cucina di Marina per la sua Bughàtsa dolce da Salonicco. Al prossimo mese!
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  3. Cara Vittoria questa e` davvero una pasta che coinvolge molto i bimbi anche la mia si diverte a tirarli e...... profumatissimo questo ragu` si sente da qui.
    Francesca

    RispondiElimina
  4. ciao Vittoria, una bella versione, i miei sono bianchi, ma apprezzo anche quelli al ragù, complimenti cara e un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Che dire fantastici ammiro la tua manualità io ho dovuto usare il riga gnocchi per farli belli !!!!!! Un bacione:))))))

    RispondiElimina
  6. Ma quanto è bravo il tuo braccio destro! ormai è un aiuto fisso in cucina....sei davvero fortunata! bacioni a te e a lui e...buon week end!

    RispondiElimina
  7. eh eh eh, l'innaffiatura col lambrusco era doverosa!!
    buoni e bellissimi, bravo il braccio destro!

    RispondiElimina
  8. beh la scarpetta è d'obbligo con questo sugo :) ottimo! ciaooo

    RispondiElimina
  9. Anch'io come Vicky ho pensato che la scarpetta di deve fare assolutamente, sia perché è il pane al kamut e poi per il ragù profumato e denso che avete preparato.
    Carpiato triplo con giravolta per smaltire un poco di calorie pasquali:)

    RispondiElimina
  10. Ottima anche questa versione! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. vero che sono buoni?...certo che degustare con il Lambrusco non vale... ;) un bacione!

    RispondiElimina
  12. Eccomi qui con il pane appena sfornato, in ritardo..ma la scarpetta la voglio fare anch'io in quel golosissimo piatto che avete preparato!! Bravissimi come sempre! Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  13. @apelaboriosa
    Grazie apine,
    siete le benvenute alla nostra tavola!

    @Cuochina
    Grazie Cuochina,
    al mese prossimo!

    @francesca
    Grazie Francesca,
    la pasta fatta a 4 o 6 mani è ancora più allegra e buona!

    @Tamara
    Grazie Tamara,
    mi è piaciuta molto anche la tua versione in bianco, buonissima!

    @Nadia
    Eh eh, il mio fidato Braccio destro ha fatto la differenza... Grazie per essermi venuta a trovare!

    @Artù
    Hai ragione carissima grazie e a presto!

    @dauly
    Grazie Dauly,
    ci voleva proprio un buon vino!

    @Vicky
    Grazie Vicky ,
    il ragù napoletano attira la scarpetta...

    @Anna
    Grazie Anna,
    non ti dico quanto è buono il kamut fatto con licoluva adibito a scarpetta...
    Carpiato triplo con piccola corsetta anche noi per smaltire!

    @Lu.C.I.A.
    Grazie Lucia!

    @elena
    Grazie Elena,
    erano davvero buoni... e il vinello ci voleva!

    @ornella
    Carissima Ornella,
    ti aspetto col pane, mi è arrivato il profumo che ha attraversato mari e monti...
    Un abbraccio

    Buona domenica a tutte!!!

    RispondiElimina
  14. Che buona la tua versione del ragù alleggerito...apprezzo anche l'assenza del parmigiano, quando il sugo è buono anche a me piace assaporarlo senza formaggio!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  15. Ciao Vittoria, certo che questo è stato proprio un bel giro, anche la tua versione è ottima, e un po' più leggera che non guasta, bacione

    RispondiElimina
  16. Molto golosa la tua versione, credo che la scarpetta è di rigore con questo ragù tanto saporito!

    RispondiElimina
  17. Mi piace molto come ti è venuto il sugo per non parlare degli gnocchetti.

    RispondiElimina
  18. @ Pinko Pallino
    Grazie, su questo ragù l'unico ad usare il parmigiano è mio marito...

    @ Un'arbanella di basilico
    Grazie, alla prossima!

    @mm_skg
    Grazie, aspettaci il 6 maggio saremo da te!

    @Fr@
    Grazie, questa pasta è davvero buonissima!

    Buona settimana a tutte!!!

    RispondiElimina