martedì 21 maggio 2013

Sachertorte

Ci sono momenti in cui non si può fare a meno di una dose generosa di cioccolato, che ha effetti positivi sull'umore ed aiuta a sopportare lo stress.
La scelta della torta è obbligata: Sacher, dolce che non ha bisogno di presentazione, la cui ricetta originale è mantenuta segreta.
A noi piace moltissimo e mette di buon umore già dalla sua preparazione, con il cioccolato fuso nel quale tuffare le dita e che, al primo morso attiva le papille gustative al gran completo, creando un'estasi spensierata di sapori...

Ingredienti per una tortiera da 24 cm:
  • 150 g di farina 00 (noi usiamo il solito mix di farina 00, fecola e amido di mais)
  • 150 g cioccolato fondente (noi abbiamo usato un uovo di Pasqua in trepidante attesa)
  • 150 g zucchero vanigliato home made
  • 150 g burro di montagna
  • 6 uova bio
  • semi di una bacca di vaniglia Bourbon bio 
  • un pizzico di sale
  • due cucchiai di panna fresca
  • 6 g di lievito per dolci (per andare sul sicuro...)
Per la farcitura:
  • 200 - 250 g circa di confettura di albicocche bio con zucchero di canna (abbiamo messo almeno mezzo barattolo)
Per la copertura:
  • 200 g di cioccolato fondente
  • 100 ml di  acqua
  • 30-50 g di burro di montagna
  • 100 g di  zucchero a velo
  •  50 - 80 g circa di confettura di albicocche bio con zucchero di canna
Con queste dosi la glassa è abbondante, ne avanza un poco per i "golosi impazienti" da gustare subito subito
Procedimento:
Abbiamo amalgamato bene il cioccolato ed il burro fusi a bagnomaria e, mentre il composto si intiepidiva, abbiamo montato i tuorli con lo zucchero ai quali abbiamo infine aggiunto, una cucchiaiata alla volta, la crema di burro e cioccolato.
Abbiamo setacciato la farina incorporandola gradatamente al composto rendendolo più fluido con due cucchiai di panna, montato gli albumi a neve che abbiamo incorporato un poco alla volta, mescolando dal basso verso l'alto, per non smontarli.
Se si vuole essere certi della lievitazione ed evitare l'effetto piatto, si devìa dalla regola che vieta il lievito nella Sacher e ne si aggiunge un poco... come abbiamo fatto noi che non siamo professionisti ma solo golosi. 
Lo abbiamo setacciato ed aggiunto delicatamente all'impasto
Abbiamo versato la nostra meraviglia ciccolatosa nella teglia ricoperta da carta forno ed abbiamo cotto in forno già caldo a 170° per circa 50-60 minuti (abbiamo fatto la prova stecchino)
Sfornata l'abbiamo lasciata raffreddare, divisa in due parti, e dopo averla pareggiata e capovolta per avere la parte superiore liscia, l'abbiamo appoggiata sopra un foglio di carta forno e spalmato la base con una dose generosa di confettura di albicocche
chiuso con la parte superiore e spennellato abbondantemente con la confettura di albicocche frullata con il minipimer ed intiepidita per renderla più fluida
l'abbiamo lasciata riposare e nel frattempo abbiamo preparato la glassa portando ad ebollizione l'acqua nella quale abbiamo sciolto lo zucchero a velo mentre il cioccolato lo abbiamo fuso a bagnomaria. Abbiamo rovesciato il cioccolato nello sciroppo bollente ed aggiunto il burro per  avere una glassa morbida e lavorato qualche minuto con le fruste.
L'aggiunta del burro rende la glassa morbida, se decidiamo per la glassa croccante semplicemente non lo mettiamo.
Abbiamo glassato la nostra Sacher 
trasferita su un piatto da portata, lasciata raffreddare e...
 per poco niente foto alla fetta!
Che delizia, il buonumore non può mancare!
Dove abbiamo preso la ricetta?
Ma da qui
molto tempo fa...
Buon appetito!

15 commenti:

  1. Mette davvero di buoumore questa torta....e` un sacco che non ne faccio una....magari cionvolgo il biccolone che adora il cioccolato!
    fra

    RispondiElimina
  2. Buona sicuramente, ma ti è venuta perfettamente bene. Ci manca solo la scritta sacher e sembra presa da una pasticceria viennese. Complimenti!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che buona, per me che sono cioccolato dipendente e' una goduria!!!!!
    Assomiglia molto a quella che faccio io, ma tua uno splendore copierò la tua glassa a me non esce così bene , buona serata e un bacione ;-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, con la glassa ho "litigato" parecchio... negli anni ho imparato che è importante lavorarla bene con le fruste per averla bella lucida e poi il pezzettino di burro la rende morbida al punto giusto.
      Buona giornata!

      Elimina
  4. Qui facciamo le cose difficili :))
    Non mi ci sono mai cimentata, troppo elaborata per le mie capacità (^_^)
    Sono certa che dopo quella bella fettozza la giornata ha cambiato colore, vero?
    Carpiato con giravolta tripla per compensare una parte delle calorie ingurgidate :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, l'hai sparata davvero grossa tu sei bravissima!!!
      E' un dolce che richiede un poco di pazienza diciamo che è zen...
      Carpiatissimo!

      Elimina
  5. Mi è scappata una "d" che non serve:
    ingurgitate va molto meglio :))

    RispondiElimina
  6. ciao Vittoria e B.D.
    CHE MERAVIGLIA!!!!!!
    I nostri complimenti più belli....
    altro che solo golosi..siete dei veri dei professionisti!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  7. Avete sfornato una fantastica dose di bontà e buonumore!! Mi sa che dovrei prepararmene doppia dose in questo periodo :-)
    Buona giornata a tutta la famiglia un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ornella,
      concordo con te, buona giornata ed un abbraccio!

      Elimina
  8. Ci vuole proprio una stracoccola ogni tanto! Questa è la torta cioccolatosa che preferisco!
    ma che bella la rivista da cui hai tratto la ricetta....very vintage style!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Artù,
      il fascicolo della rivista l'ho acquistato davvero nel 1984 quando internet era fantascienza...
      Molte ricette le ho ritagliate e incollate sul mio blocco, altre le ho copiate, insomma ho una bella raccolta di materiale vitage style!
      Un abbraccio e buona giornata!

      Elimina