mercoledì 6 novembre 2013

Quanti modi di fare e rifare lo stracotto di manzo con polenta

E' un piatto gustoso presente anche nella cucina tradizionale di casa nostra, perfetto per l'autunno-inverno, non solo per il suo sapore caldo e la consistenza avvolgente ma anche perchè nella sua preparazione custodisce i ritmi lenti e il "passo felpato" di queste stagioni.
Abbiamo rifatto questa ricetta modificando un poco il procedimento di cottura, che resta comunque lenta e paziente, che sprigiona il profumo inebriante del vino e dei chiodi di garofano che con discrezione invade casa e terrazzo e fa esclamare... è lo stracotto!

Ingredienti per 2-3 persone: 

Per lo stracotto:
  • 600 g di manzo noi 600 g di aletta di vitellone
  • 1 carota noi 2 una a pezzettini ed una intera steccata con i chiodi di garofano
  • 1 gamba di sedano
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi d'aglio
  • qualche chiodo di garofano noi 4 o 5
  • una spolverata di cannella
  • 250 g di polpa di pomodoro noi abbiamo usato il pomodoro passato
  • vino rosso secco noi abbiamo usato il Raboso del Veneto (un paio di bicchieri)
  • sale e pepe noi sale dolce di Cervia e pepe bianco
  • olio evo
  • noi abbiamo usato anche 300 ml circa di brodo vegetale
Per la polenta:
  • 300 g di farina gialla noi 500 g di farina di mais bio integrale
  • acqua noi 1 litro e 1/2
  • sale
  • noi usiamo anche un paio di cucchiai di olio evo 

Procedimento:
In una padella abbiamo saltato l'aglio con un filo di olio evo e vi abbiamo aggiunto la carne tagliata a bocconcini; quando la carne era ben rosolata e sigillata abbiamo tolto l'aglio ed aggiunto le verdure tagliate a tocchetti e, dopo una breve rosolatura, abbiamo bagnato con un bicchiere di Raboso. Abbiamo unito una carota intera steccata con i chiodi di garofano, la passata di pomodoro, bagnato con metà del brodo vegetale caldo, regolato di sale e pepe, spolverato di cannella, coperto e lasciato cuocere lentamente per circa tre ore bagnando di tanto in tanto con il rimanente vino e brodo vegetale caldi per non interrompere la cottura.
A cottura ultimata abbiamo frullato con il frullatore ad immersione una parte delle verdure, ottenendo così un sughetto vellutato ma con qualche verdura intera che faceva capolino.
Per la polenta abbiamo portato ad ebollizione in una pentola capiente (sarebbe stato meglio il paiolo di nonna Luigia) l'acqua salata, aggiunto l'olio evo e, con una frusta, abbiamo incorporato la farina a pioggia rimestando successivamente col cucchiaio di legno sino a cottura completata (le mamme insegnano: quando la polenta si stacca dalle pareti del paiolo o della pentola allora è pronta).
Abbiamo servito 
e gustato con dell'ottimo Raboso, buon appetito!
grazie a Daniela per questa ottima ricetta, grazie anche ad Anna Ornella e alla Cuochina per il loro lavoro.
L'appuntamento è per il 06/12/2013 da Djallen per il Pampapato o panpepato di Ferrara.

Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti coloro che ci seguono e che anche noi volentieri seguiamo. Stiamo attraversando un periodo che ci tiene lontani dal nostro e dai vostri blog; cerchiamo di affrontarlo con forza e determinazione.
  A presto!

25 commenti:

  1. Buongiorno carissimi Maria Vittoria e Braccio Destro
    grazie per la vostra splendida versione dello stracotto di Daniela.
    E' sempre molto bello incontrarci in questo giorno dedicato al piacere di stare insieme, prova ne sono le stupende versioni fatte e rifatte da tutte noi.
    Io, Anna ed Ornella nel ringraziarvi per la vostra gradita partecipazione, vi invitiamo il prossimo mese a casa di JèAle per entrare nell'atmosfera natalizia con il Pampapato di Ferrara.
    Vi aspettiamo :)

    La Cuochina

    RispondiElimina
  2. ciao Maria Vittoria e B.D.
    che profumo esce questa mattina dalla vostra cucina!
    BRAVISSIMI!
    Un abbraccio affettuoso e l'augurio di giornate serene
    Un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Apine,
      ci godiamo tutto il vostro abbraccio e il vostro augurio che scalda il cuore.
      A presto!

      Elimina
  3. la carne non la mangio, ma la tua polenta è davvero ottima, adoro la farina integrale, cottura molto lunga e sapore deciso...un saluto Tam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tam,
      la polenta con la farina integrale è davvero squisita, a presto!

      Elimina
  4. Ricetta davvero ben riuscita...
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, inserisco qui il commento per te, stante la mia difficoltà a farlo sul tuo blog: Piatto davvero ben riuscito, la polenta con il formaggio è gustosissima, alla prossima!!!

      Elimina
  5. Te e Braccio destro siete sempre molto poetici: mi piace tanto l'intro al piatto... "sapore caldo", "consistenza avvolgente", "custodisce i ritmi lenti e il "passo felpato" di queste stagioni"... bello. Riuscite sempre a trovare le parole giuste per descrivere i piatti, è come prefigurarsi il piatto attraverso le parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, noi pensiamo che i piatti non si gustano solo col palato ma tutti i sensi fanno la loro parte. La nostra varietà culinaria è un dono così grande che per forza coinvolge a 360°, alla prossima!

      Elimina
  6. Ciao cari amici, il vostro piatto è davvero bello e buono, spero che tutto si risolva e che torniate presto al blog e a noi, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, il tuo augurio ci sostiene, un abbraccio!

      Elimina
  7. Cara Vittoria gustosissima versione complimenti il profumo arriva fin qui !!!!
    Un bacione :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nadia,
      grazie e un bacione anche a te!!!

      Elimina
  8. ottima versione! p.s. in bocca al lupo per tutto

    RispondiElimina
  9. un piatto gustoso, ottimo in questa stagione, ci voleva proprio vero? Un bacione e speriamo che riusciate a ritagliare un po' di tempo in più per questo vostro angolino davvero speciale! In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena,
      custodiamo il tuo augurio e... crepi il lupo!
      Alla prossima!

      Elimina
  10. ciao, ricambio la visita volentieri, buono anche la tua versione, mi alletta il vino che hai usato alla prossima

    RispondiElimina
  11. Già il rpofumo che emana fa dire che è lo stracotto!

    RispondiElimina
  12. Molto buona anche la vostra versione Vittoria, già dalle foto si capisce la bontà di questo piatto!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  13. Vittoria arrivo!!! ne è avanzato un pezzetto???
    ha un aspetto meraviglioso e seguirò il consiglio del Raboso ;-)
    A rileggerci presto
    Baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vittoria grazie per aver condiviso la mia ricetta, ha un aspetto magnifico, è vero che c'è sempre da imparare, io non conoscevo il Raboso, che ignorante che sono...... Anche per me è un periodo molto pesante pieno di preoccupazioni, spero tu possa tornare al più presto con il tuo braccio destro.
      Un abbraccio Daniela

      Elimina
  14. Grazie a tutte, alla prossima!!!

    RispondiElimina
  15. anche io sono molto assente dal mio e soprattutto dai vostri blog.

    vi penso sempre e vi sono vicina con il cuore!!!

    RispondiElimina