domenica 12 ottobre 2014

Quanti modi di fare e rifare Sos Pabassinos

L'appuntamento di questo mese è da Paola per preparare i Sos Pabassinos (alla quale vi rimando per la ricetta originale)  dei quali abbiamo apprezzato non solo la bontà ma anche la bellissima storia legata alla tradizione, al ricordo dei nostri cari; dolci nati come premio per i bambini questuanti e segno della notte del primo novembre diventati nel tempo dono prezioso e colmo di gioia per  parenti e amici in partenza per il continente.
Ringraziamo Paola che ha ricostruito dosi e sapori permettendoci di gustare i sos pabassinos.
La nostra è una versione vegana senza strutto, burro e uova come la maggior parte dei nostri dolci dopo i ben riusciti esperimenti con le ricette di Marco Bianchi; a lui va la paternità della frolla, da noi utilizzata e rivista, presa da due dei suoi libri: I Magnifici 20 e il Talismano del mangiar sano.
I nostri pabassinos, belli e buoni, sono stati magnificamente completati da una granella al tè matcha donatoci da una Fatina amica.
Abbiamo dimezzato la dose della ricetta originale; col senno di poi non avremmo dovuto perchè erano buonissimi e ne abbiamo potuti donare solo pochi ad amici e parenti destinatari degli assaggi. 
Sono piaciuti a tutti e la prossima volta dose doppia!

Ingredienti per circa 18 pabassinos:
  • 125 g del nostro mix per dolci (di cui parliamo qui)
  • 125 g di farina integrale bio
  • 80 g di zucchero di canna vanigliato home made
  • 60 ml di olio di mais
  • 90 ml di acqua
  • 17 g di semi d'anice
  • 125 g di frutta secca mista (nocciole tostate per la maggior parte circa 70 g e poi  mandorle, pinoli e noci)
  • 50 g di uvetta sultanina bio
  • 1/2 bustina di lievito per dolci 
  • 1/2 cucchiaino di polvere di vaniglia Bourbon
  • la buccia di un piccolo limone siciliano bio grattugiata
  • un pizzico di sale dolce di Cervia 
per la glassa 
  • 125 g di zucchero a velo
  • 2-3 cucchiai circa di acqua
per la copertura

  • codette colorate di zucchero (senza olio di palma)
  • granella al matcha

per la granella al matcha
  • 50 g di zucchero semolato;
  • un cucchiaino raso di tè matcha
  • un cucchiaio circa di acqua
Procedimento per circa 18 pabassinos: 

Abbiamo messo a bagno l'uvetta nei 90 ml di acqua e tritato grossolanamente a coltello il mix di frutta secca







Abbiamo mescolato in una ciotola gli ingredienti secchi (farine, zucchero, frutta secca, anice, lievito, vaniglia, limone, sale) ed abbiamo aggiunto l'uvetta strizzata, l'acqua e l'olio di mais




abbiamo impastato a mano e formato una palla che abbiamo lasciato riposare in frigorifero per mezz'ora
trascorsa la quale abbiamo steso l'impasto a circa 1 cm di altezza (più o meno), tagliato a rombi con la formina per biscotti ed infornato nel forno già caldo a 160°, creando anche un pò di vapore con una ciotola di acqua poi tolta, per 12-13 minuti fino a doratura (dal decimo minuto controllare)
Il profumo era già una meraviglia...
Nel frattempo abbiamo preparato la granella unendo zucchero, matcha, acqua e passando il composto nei fori piccoli della gratuggia per verdure facendolo cadere sulla carta forno. Perchè asciughi la granella può essere lasciata a temperatura ambiente; noi l'abbiamo messa nel forno per 10 minuti ancora caldo spento dopo aver tolto i biscotti
Sfornati i pabassinos li abbiamo lasciati raffreddare e poi coperti con la grassa preparata con lo zucchero  a velo sciolto in 2-3 cucchiai di acqua e decorati con la granella al matcha e le codette colorate

A glassa rassodata erano pronti per essere gustati accompagnati con del mirto
deliziosi, buon appetito!
Grazie a Paola per averci ospitati nella sua cucina ed averci donato un dolce squisito che è entrato di diritto nella nostra "biscotteria".
Ed infatti li abbiamo già rifatti in dose doppia e li rifaremo abbinandoli a glasse e granelle diverse, limone, cioccolato, nocciola... insomma largo alla fantasia, certi che saranno sempre squisiti!
Grazie ad Anna, Ornella e alla Cuochina per il loro lavoro.
Il prossimo appuntamento è per il 09/11/2014 alle 9,00 da Nadia per preparare i Caronsei o casoncelli
Un grazie a tutte le Cuochine che passeranno a trovarci! 

15 commenti:

  1. Buongiorno carissimi Maria Vittoria e Braccio D.e ben ritrovati!
    Eccoci qui di nuovo tutti insieme, tra caldi, confortanti colori autunnali e deliziosi profumini che si diffondono mensilmente nella nostra gioiosa cucina aperta!
    Anna e Ornella vi ringraziano calorosamente per la bellissima versione di Sos Pabassinos e vi aspettano, domenica 9 novembre, nella cucina della brava e cara Nadia per preparare i Caronsei!

    Baci
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Bellissimi e sicuramente ottimi...le varianti che hai inserito sono davvero interessanti...il mirto perchè non scendevano bene o avete solo colto l'occasione?! ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo solo colto l'occasione, scendevano sin troppo bene, grazie della ricetta!

      Elimina
  3. Belli, buoni e sani!!!! una versione davvero intrigante .... da provare ...
    Buona domenica, a presto ....

    RispondiElimina
  4. Ciao Vittoria, molto bella la vostra versione, da provare anche secondo me, bacioni

    RispondiElimina
  5. Bellissimi anche i tuoi dolcetti e certamente buoni complimenti anche al tuo braccio destro.

    RispondiElimina
  6. Brava Maria Vittoria, hai realizzato una versione sana e genuina, senza però rinunciare al sapore. Bella l'idea della granella al thè matcha!!!

    RispondiElimina
  7. Una versione sana per questi ottimi dolcetti.

    RispondiElimina
  8. super golosa con frutta secca mista, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. Bellissimi vegani e chi lo direbbe , sicuramente ottimi da provare quanto prima !!!!
    Il mese prossimo ti aspetto mi raccomando!!!!!
    Un abbraccio cara Vittoria :-))))

    RispondiElimina
  10. Che ricca e golosa versione! Mi è piaciuto particolarmente la granella al tè matcha!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  11. ciao Vittoria e B.D.
    possiamo dire che siete un spettacolo?
    Perchè?
    i vostri pabassinos sono bellissimi e sono senza strutto, burro e uova e con la particolarità di zucchero di canna vanigliato home made, granella al matcha!!!!
    Bravissimi, ci vediamo da Nadia.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  12. Devono essere squisiti! Io ho assaggiato il matcha sono nel cioccolatini che mi ha regalato una mia amica giapponese, ma non ho mai avuto la polvere. Dev'essere una vera bontà! Complimenti! *__*

    RispondiElimina
  13. Ottima anche questa versione e pure salutare...senza grassi animali e te matcha come antiossidante!!! bravissime!!!

    RispondiElimina
  14. Ma che bontà! Che meravigliosi dolcetti! Ciao da Bologna, Monia.

    RispondiElimina