domenica 12 aprile 2015

Quanti modi di fare e rifare le Lasagne verdi emiliane

Le lasagne alla bolognese sono un classico della nostra cucina e per noi sono sinonimo di festa e vacanza. Ed infatti le lasagne sono d'obbligo la domenica nel confortevole hotel della riviera romagnola che ci ha tante volte ospitati, ci accompagnano in tante feste comandate e, quando non sono più alla bolognese, si prestano ad una serie innumerevole di varianti vegetariane (come nella ricetta di apertura del nostro blog), vegane, insomma un piatto gustoso e poliedrico che fa subito festa!
Come abbiamo già detto in occasione di altri piatti "l'è un mangià lungu" ovvero richiede un poco di tempo per la sua preparazione e noi ci organizziamo in questo modo: alla sera prima prepariamo il ragù e l'impasto della sfoglia, alla mattina successiva tiriamo la sfoglia, prepariamo la besciamella e componiamo le lasagne.
Noi le abbiamo dunque preparate così:

Ingredienti per 6 persone (a noi escono due pirofile una da 30x20cm e una da 23x14cm)

Per la pasta all'uovo:
  • 200 g di farina 00 bio
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro bio
  • una manciatina di farina per la spianatoia
  • 2 uova medie bio
  • 70 g di spinaci lessati (peso da cotti) e strizzati  (se l'impasto risulta asciutto allora usiamo un poco dell'acqua "strizzata"dagli spinaci)
  • noce moscata
Per il ragù di carne:
  • 300 g di carne macinata scelta (noi polpa di manzo);
  • 1 cipolla dorata piccola
  • 1 carota piccola 
  • 1/2 gambo di sedano
  • 1/4 di vino rosso (noi Refosco dal Peduncolo rosso)
  • 700 g di passata di pomodoro
  • 500 ml circa di acqua del Sindaco
  • olio evo
  • sale q.b.
  • un poco di zucchero per togliere acidità al pomodoro
  • basilico
Per la besciamella:
  • 1litro e 200 ml di latte intero alta qualità
  • 100 g di farina 00 bio
  • 100 g di burro dell'Emilia
  • noce moscata
  • sale
Per completare:
  • 100 g di parmigiano reggiano grattugiato
Procedimento:

La sera prima abbiamo messo nella planetaria le farine, gli spinaci frullati, le uova ed una spolverata di noce moscata. Abbiamo lavorato brevemente con la foglia e poi per 15 minuti col gancio impastatore. Abbiamo formato una palla, messa in un sacchetto per alimenti e riposta in frigorifero sino alla mattina successiva


Per il ragù abbiamo tritato carota, sedano e cipolla, li abbiamo rosolati con un poco di olio evo poi stufati in mezzo bicchiere di acqua; a liquido asciugato abbiamo aggiunto la carne, l'abbiamo rosolata, sfumata con il vino, aggiunto la passata di pomodoro, l'acqua, lo zucchero, regolato di sale, cotto per circa 1 ora ed infine aggiunto il basilico.
La mattina successiva abbiamo diviso la pasta in 5 cilindri, tirato la sfoglia ad 1-1,5mm di altezza e di grandezza quanto la nostra pirofila più grande. 
Quattro sfoglie le abbiamo usate intere per la pirofila grande mentre per quella piccola ne abbiamo tagliata una in tre dalla parte della lunghezza ed utilizzato gli avanzi della pasta rifilata dalla pirofila più grande
Abbiamo poi preparato la besciamella: in una pentola abbiamo sciolto il burro, unito la farina mescolando con la frusta, aggiunto il latte intiepidito, regolato di sale e cotto a fuoco minimo per 15-20 minuti sempre mescolando sino ad ottenere una crema liscia e morbida, aggiunto una spolverata di noce moscata, spento il fuoco ed incoperchiato in attesa dell'uso.

In una pentola capiente abbiamo portato ad ebollizione abbondante acqua salata e vi abbiamo tuffato la sfoglia per tre minuti; scolata l'abbiamo immersa in acqua fredda salata e poi, scolata di nuovo, l'abbiamo adagiata su un canovaccio bianco ed iniziato a comporre le nostre lasagne
prima abbiamo unito il parmigiano alla besciamella, poi messo un poco di ragù sul fondo della pirofila e proseguito con una sfoglia di pasta che abbiamo rifilato sui bordi poi ancora ragù, besciamella e così via sino all'ultimo strato


che abbiamo cosparso con l'ultimo ragù ed abbondante besciamella. 
Abbiamo infornato le lasagne in forno già caldo a 175 gradi per circa mezz'ora



sfornato, lasciato intiepidire e gustato in abbondanti porzioni, favolose!



Buon appetito!
E' un "magià lungu" ma che in poco tempo viene gustato e fa nascere subito la domanda "le rifacciamo?"
Un grazie ad Afrodita per averci ospitati nella sua cucina con una delizia emiliana.
Un grazie ad Anna , Ornella e alla Cuochina per il loro lavoro.
Il prossimo appuntamento è per il 10/05/2015 alle ore 9,00 da Solema per preparare gli gnocchi di fagioli cannellini.
Un grazie a tutte le Cuochine che passeranno a trovarci!

11 commenti:

  1. Ben ritrovati cari Maria Vittoria & Braccio D.!
    Che delizia per la vista ed il palato, oggi nella gioiosa cucina di quanti modi di fare e rifare, si gustano le meravigliose lasagne verdi emiliane!! Io Cuochina, Anna e Ornella vi ringraziamo per aver preparato e condiviso questa vostra personale, fantastica versione.
    Vi aspettiamo da Solema il 12 di maggio alle ore 9:00 con gli gnocchi di fagioli
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Cara Maria Vittoria,
    grazie per aver realizzato la tua versione delle lasagne verdi emiliane. Hai proprio ragione, sono un "mangiare lungo", perchè ci vuole tanto tempo a realizzarle....però spariscono in un attimo!!! Bravissima, ti sono venute perfette....ne è rimasto un pezzetto per me???
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Complimenti Maria Vittoria, sono molto invitanti!!

    RispondiElimina
  4. gustose e invitanti le tue lasagne verdi emiliane, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. Buonissime vero Vittoria? Un bacione a presto

    RispondiElimina
  6. Ma quanto sono golose! mi tufferiei in quel godurioso mix di ragù e besciamella, sembra paradisiaco :-)
    Buon inizio settimana, a presto ....

    RispondiElimina
  7. Brava Vittoria, una gustosissima lasagna, un perfetto piatto unico!

    RispondiElimina
  8. le tue sono verdissime!! complimenti per non aver ossidato la clorofilla!! bravissima!

    RispondiElimina
  9. Bellissimo tutto il procedimento della preparazione del piatto, mi ci ritrovo in pieno è proprio vero che ogni città è paese. Penso di averti inviato un commento con il cell, ma non so dove sia finito.....
    Ciao alla prossima.

    RispondiElimina
  10. ciao Maria Vittoria e B.D.
    avete fatto una sfoglia di un verde meraviglioso che si è mantenuto in cottura e la spolverata di noce moscata è un' idea che ci piace.
    Le vostre lasagne sono stupendamente invitanti...ci possiamo fermare?
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  11. Che belle,e sopratutto verdissime, da maestra!!!

    RispondiElimina