lunedì 18 maggio 2015

Anko e Dorayaki

Della cucina giapponese c'è molto da scoprire come i dolci che sono buonissimi.
Diversi contengono un ingrediente strano, o meglio insolito, per noi italiani: anko o marmellata di fagioli azuki. Noi ne siamo stati conquistati e grazie ad Anna che ci ha fornito ricetta e consigli in diretta, abbiamo potuto prepararla senza difficoltà ed aggiungere alla nostra cucina questa delizia, che abbiamo gustato come farcia nei Dorayaki, dolcetti di cui è goloso Doraemon, l'indimenticabile gatto spaziale compagno di Nobita che ancora oggi, al solo ricordo, ci fa sorridere.
Dal 04/05/15 al 24/05/15 per l'Abbecedario culinario mondiale si approda in Giappone, l'ambasciatrice per la sosta a Kyoto è Sabrina del blog Nato sotto il cavolo approfittiamo dell'occasione per offrire questi deliziosi dolci.

Ingredienti per Anko: 
(si conserva in frigo come una marmellata oppure si può congelare):
  • 250 g di fagioli azuki di Hokkaido
  • 250 g di zucchero semolato extrafine
  • un pizzico di sale
  • acqua  
Ingredienti per  circa 10 Dorayaki:
  • 150 g di farina 00
  •   40 g di zucchero semolato
  •     1 cucchiaio di miele di acacia
  •     2 cucchiaini rasi di lievito per dolci ( o bicarbonato)
  •     2 uova bio
  • 100 ml di latte 
  • olio di mais
Procedimento:
Abbiamo lavato i fagioli azuki e messi in ammollo in acqua fredda (in quantità pari a tre volte il loro volume) per tutta la notte. Al mattino li abbiamo portati ad ebollizione con l'acqua di ammollo, ne abbiamo tolta la metà ed aggiunto la stessa quantità di acqua fredda riportato ad ebollizione e cotto a fuoco bassissimo aggiungendo acqua fredda se necessario


Dopo circa un paio d'ore azuki erano cotti, abbiamo lasciato intiepidire, frullato ed aggiunto lo zucchero e il sale, abbiamo  rimesso anko sul fuoco sino a raggiungere la consistenza desiderata continuando a mescolare
abbiamo spento quando un cucchiaino di anko si rassodava su di un piattino tenuto in verticale, come per la confettura di frutta. 
Già da solo anko è buonissimo!





Per dorayaki: abbiamo mescolato le uova con zucchero, miele, latte ed unito la farina ed il lievito setacciati. Abbiamo scaldato una padella, l'abbiamo unta con una pezzuola imbevuta di poco olio e messo un cucchiaio di pastella. Abbiamo atteso che si formassero delle bollicine sulla superficie li abbiamo girati e completato la cottura

farcito con un paio di cucchiai di anko

e gustato i nostri squisiti dolcetti,  itadakimasu





Buon appetito, sayônara!

5 commenti:

  1. Che golosi!!!
    Hotcake vi sono venuti una meraviglia, bravissimi!!
    Aspettate che arrivo :)
    carpiatissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, ti aspettiamo ;-)
      Strasupercarpiato!!!

      Elimina
  2. Siete spaziali! Abbiamo all'attivo due ricette del mitico gatto Doraemon! Siete bravissime che vi devo dire! Ora me li devo fare la curiosità è troppa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provali sono buonissimi, Doraemon docet, buona serata!

      Elimina
  3. Conosco anko solo di nome, mai avuto la fortuna di assaggiare la marmellata. Invece dorayaki mai sentiti proprio..arrivo in un baleno, sono troppo golosi e perfetti! Bravissimi, sayônara, buon fine settimana e un grande abbraccio!

    RispondiElimina