mercoledì 30 dicembre 2015

Pavlova

Che squisita scoperta è stata questo dolce!
Era nella nostra lista dei desideri già da un pò: lo avevamo visto a junior masterchef Australia poi da Nigella, dalla quale abbiamo preso la ricetta e il passo passo su you tube, ed infine su La Cucina Italiana (febbraio 2013 pagina 131)  abbiamo ammirato la bellezza di Anna Pavlova alla quale è dedicata questa torta dalla paternità contesa fra neozelandesi e australiani 
Foto La Cucina Italiana Feb 2013 
In questi giorni di festa è finalmente arrivato il momento di gustare questa delizia; doveva essere il dolce della vigilia di Natale ma per un errore di cottura è stato posticipato a S. Stefano.
Secondo esperimento fantastico!
Esterno croccante, cuore morbido e profumato: favolosa, da rifare!
Nella sua ricetta Nigella consiglia di passare la ciotola della planetaria con del limone allo scopo di togliere ogni ombra di grasso e far montare meglio gli albumi, spiega che il forno deve essere portato alla temperatura di 180° e subito abbassato a 150° quando si inforna la meringa ed alla cottura deve seguire il raffreddamento in forno e così abbiamo fatto anche noi; in aggiunta abbiamo aromatizzato la meringa con zucchero vanigliato home made e zeste di limone di Sorrento ed abbiamo completato la pavlova senza girarla sottosopra come anche Nigella fa in alcune versioni.
Chiediamo venia per le fragole fuori stagione... 

Ingredienti per 8 persone 
  • 4 albumi di uova bio a temperatura ambiente (125 g)
  • 250 g di zucchero semolato extrafine vanigliato home made
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini di amido di mais
  • 1 cucchiaino di aceto di vino bianco
  • buccia grattugiata di un limone di Sorrento non trattato
  • Per la copertura: 500 ml di panna fresca
  • 2 cucchiai di zucchero semolato extrafine
  • kiwi, lamponi e fragole 

 Procedimento:
Come consigliato abbiamo passato l'interno della planetaria con uno spicchio di limone. Abbiamo iniziato a montare gli albumi, aggiunto lo zucchero e la buccia di limone gradatamente tenendone da parte due cucchiai e poi unito il sale e l'aceto. 
Quando la meringa era ben ferma abbiamo incorporato a mano delicatamente con la spatola l'amido di mais setacciato unitamente allo zucchero rimasto.
Sulla carta forno abbiamo evidenziato con uno stuzzicadenti un cerchio da 21 cm di diametro, rovesciato al centro la meringa, formato la pavlova con la spatola ed 
infornato alla temperatura di 180°  subito abbassata a 150° per 1 ora, trascorsa la quale abbiamo spento e lasciato raffreddare la pavlova dentro al forno.
Per finire abbiamo montato la panna con lo zucchero, farcito la torta e guarnito con frutta fresca, pronta per il pomeriggio di S. Stefano con i cugini, che buona!!!
Per l'interno l'unica testimonianza è data da questa foto scattata velocemente col telefonino poichè altrettanto velocemente è "sparita" la pavlova...
Buon appetito ed ancora 
AUGURI!!!

9 commenti:

  1. Indubbiamente un bel dolce anche se non potrò rifarlo per me che non mangio frutta. Va bene, lo preparerò per mia moglie. Tanti auguri di felice anno nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri a Te e famiglia, il link di Nigella porta alla versione con caffè e cacao senza frutta che proveremo presto.
      Sereno 2016!

      Elimina
  2. Auguri auguri auguri a te e ai tuoi cari, cara Vittoria!
    Tanta serenità e gioia per tutto l'anno <3
    Pavlova meravigliosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti auguri anche a te e famiglia, un abbraccio!

      Elimina
  3. Ma questa non l'avevo vista!! Uffina, e per me niente?
    Dici che è finita velocemente, era scontato!
    Buon anno nuovo a tutti voi, abbracci carpiati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno cara, strasupercarpiato!

      Elimina
  4. Bellissimo da vedere e sicuramente favoloso da gustare, ci credo che è sparito in un attimo! Questo dolce è anche nella mia lista dei desideri da tantissimo tempo :-) Devo farlo..devo farlo...devo farlo..Un abbraccio grande, Buon Anno a tutti!!

    RispondiElimina
  5. Buon anno cara, provala è buonissima!
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  6. Maria Vittoria e B.D.
    santo cielo !!
    Siete stati bravissimi bella e
    post come sempre talmente chiaro che
    la proveremo anche noi.
    Un bacio grande dalle 4 apine

    RispondiElimina