domenica 8 aprile 2018

Quanti modi di fare e rifare gli Spaghetti alla puttanesca

L'appuntamento di questo mese a casa della Cuochina con i Primi della Cucina Italiana è  in Campania per preparare insieme gli Spaghetti alla puttanesca.
E' una ricetta che conosciamo bene, che abbiamo fatto e rifatto tante volte.
L'abbiamo imparata da nonna Cicciolotta la quale giustamente definisce "spaghetti aulive e chiapparielli" un piatto "sciué sciué", cioè veloce e di facile esecuzione; ciò non toglie che sia pieno di gusto ed apprezzato da tutti.
Per i Quanti modi di fare e rifare eccezionalmente abbiamo pesato gli ingredienti perché l'unità di misura tramandataci è "nu poco", "nu poco é chiù" o "tant".
La nostra è una versione è "alleggerita" perché abbiamo omesso l'aglio ed il relativo soffritto partendo dal condimento a freddo, e tolto le acciughe perché nonna Cicciolotta non le usa.
Questo sugo è perfetto con diversi tipi di spaghetti: oltre ai classici di grano duro lo abbiniamo anche con quelli integrali, ai 5 cereali, al farro, e senza glutine come in questo caso.
Insomma una ricetta che, come aglio olio e peperoncino, non delude mai!

Ingredienti per 3 porzioni:
  • 450 g di passata di pomodoro
  • 250 g di spaghetti senza glutine (mais bianco, mais giallo e riso)
  • 75 ml olio evo
  • 75 g di olive taggiasche snocciolate (pesate già snocciolate)
  • 30 g di capperi sotto sale (per pulirli li abbiamo sciacquati, ammollati in acqua cambiata un paio di volte)
  • peperoncino rosso piccante
  • sale 
  • prezzemolo
Procedimento:
Abbiamo portato a bollore l'acqua, l'abbiamo leggermente salata e cotto gli spaghetti. Nel frattempo in una padella a freddo abbiamo messo la passata di pomodoro, le olive snocciolate, i capperi ben puliti dal sale ed olio evo. Abbiamo cotto sino ad addensare il pomodoro, aggiunto 4 peperoncini, il prezzemolo e regolato di sale




Abbiamo scolato gli spaghetti, li abbiamo conditi con una parte del sugo e messi nel piatto completando col sugo rimanente.
Che bontà, buon appetito!
Ringraziamo la Cuochina per il suo lavoro, per averci ospitati nella sua cucina ed averci insegnato uno squisito piatto della cucina italiana.
Il prossimo appuntamento è per il 13/05/2018 alle ore 9,00 per preparare insieme la Tiella di riso, patate e cozze.
Un grazie a tutte le Cuochine che passeranno di qui!

7 commenti:

  1. Buona domenica cari Maria Vittoria & Braccio D.!
    Eccoci arrivati ad aprile, il mese del dolce dormire, come recitava un noto proverbio. Con la primavera, inizia il periodo più frizzante, soave e profumato, la stagione del risveglio di madre Natura.
    Ognuno di noi ha la sua stagione preferita, ma una cosa è certa, in qualsiasi momento, per noi è sempre bello ritrovarci per realizzare tutti insieme, in allegra compagnia, i meravigliosi menù della Cuochina! Il menù 2018 è ricco di tanti primi della cucina italiana con bellissime ricette.

    Cuochina, Anna e Ornella vi ringraziano per essere stati dei nostri oggi e per la vostra golosissima versione degli spaghetti alla puttanesca!
    Il prossimo appuntamento con la cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà il 13 maggio, ci ritroverà in Puglia per preparare la Tiella di riso, patate e cozze .

    Vi aspettiamo!
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Sarà sciué sciué ma è veramente un'ottimò piatto anch'io fatto e rifatto ma sempre gradito. Bella versione, Buona domenica.

    RispondiElimina
  3. Che nostalgia mi hai fatto venire con le tue espressioni napoletane... Mi e sembrato di sentire la voce della mia adorata nonna, giuro mi sono commossa... Anche per me questo è un piatto di famiglia, e non solo per questo ma anche per questo lo trovo meraviglioso.
    Che pasta hai usato? Chiedo perché gli spaghetti senza glutine sono spesso grossi e si rompono o attaccano facilmente in cottura, le foto invece mi raccontano di uno spaghetto perfetto. Mica li avrai fatti tu come Ornella???? 😱😱😱

    RispondiElimina
  4. Ottima versione sciuè sciuè anche senza glutine. Ciao

    RispondiElimina
  5. Ottima la scelta delle olive taggiasche! Un abbraccio alla prossima

    RispondiElimina
  6. Buonissima...hai fatto restringere bene il sughetto!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  7. ciao Maria Vittoria e B.D.
    ma che ridere...che delizia...che bontà!
    Ma la nonna Cicciolotta non è nu poco", "nu poco é chiù"
    è "tant"simpatica!!
    Grazie per avercela fatta conoscere.
    Un bacio dalle 4 apine
    t

    RispondiElimina